TOP 10 NAZIONALE ASSOLUTA DX

1 Gasparini Ermes

2 Battaglia Manuel

3 Lamparelli Frank

4 Cappa Davide

5 Varchetta Angelo

6 De Marchi Tomas

7 Sircana Daniele

8 Nimis Giovanni

9 Lucarelli Antonello

10 Rusu Daniel

TOP 10 NAZIONALE ASSOLUTA SX

1 Gasparini Ermes

2 Battaglia Manuel

3 Varchetta Angelo

4 Basile Luca

5 Nimis Giovanni

6 Gioco Placido

7 Lutai Adrian

8 Cappa Davide

9 Michelangeletti Diego

10 Basile Francesco

60 kg Dx

1 Schiavone Alan

2 Burgio Calogero

3 Milani Stefano

65 kg Dx

1 Gheorghita Silviu

2 Raia Giuseppe

3 Spadafora Antonio

70 kg Dx

1 Manghi Thomas

2 Renda Walter

3 Callioni Andrea

75 kg Dx

1 Carrara Valentino

2 Pierotti Mirko

3 Libonati Matteo

80 Kg Dx

1 Gioco Placido

2 Grimaldi Antonio

3 Viola Aurelio

            85 kg Dx

1 Rusu Daniel

2 Ferataj Samir

3 Virlan Ivan

90 kg Dx

1 Basile Luca

2 Zanchi Luca

3 Pacioni Riccardo

95 kg Dx

1 Nimis Giovanni

2 Lucarelli Antonello

3 Lutai Adrian

100 kg Dx

1 Gasparini Ermes

2 Varchetta Angelo

3 Ferrazzo Salvatore

110 kg Dx

1 Lamparelli Frank

2 Cappa Davide

3 Sircana Daniele

+110 kg Dx

1 Battaglia Manuel

2 De Marchi Tomas

3 Nimis Fabio

(ultimo aggiornamento : 13 Luglio 2017)

Un ranking è una classifica con i piazzamenti dei più forti in quel dato momento, tenendo conto dei risultati ma anche di tanti altri fattori importanti nel braccio di ferro.

Per fare questo ovviamente bisogna conoscere a fondo il nostro sport, conoscere tutte le situazioni, le tecniche, gli atleti, per poter fare così i giusti confronti.

Solo chi è anzitutto un atleta esperto, oltre che un conoscitore preparato del braccio di ferro, può valutare tutti questi aspetti.

In Italia da anni i fratelli Nimis sono considerati gli esperti del nostro sport, ma da quando Fabio aveva ricevuto un importante riconoscimento a livello mondiale (come esperto e collaboratore al ranking mondiale del leggendario campione e grandissimo esperto Engin Terzi), ho deciso di rendere ufficiale il suo ranking del nostro panorama Nazionale sul sito.

Rizza Claudio

Premettendo che ovviamente NESSUN ranking potrà mai essere perfetto, e che a volte in un ranking ragionato come il mio potrei trovare necessario fare delle scelte in parte soggettive e non puramente oggettive, considero un ranking ragionato e stilato applicando criteri logici  di gran lunga superiore ad un semplice ranking a punti (dove si assegna un punteggio prestabilito in base ai piazzamenti degli atleti in ogni gara).

Un ranking a punti non dà la possibilità di fare delle considerazioni importantissime ed indispensabili su eventuali situazioni particolari che possono presentarsi durante una gara professionistica di braccio di ferro.

Se ad esempio i due atleti notoriamente più forti di una categoria per questione di sorteggi si incontrano al primo turno e disputano un incontro lungo e massacrante, e vengono poi battuti da altri atleti normalmente più deboli e meno meritevoli, tramite un ranking ragionato e logico si può considerare questo e valutare di conseguenza, valutando attentamente tutto il contesto ed il valore generale degli atleti in questione.

Per motivi pratici (numero e continuità agonistica degli atleti)  ho deciso di prendere in considerazione solo le categorie di destro, valutando per il sinistro solo i 10 più forti in Assoluto.

I concetti alla base del Ranking sono semplici :

1 il Ranking si basa sui risultati delle tre gare regine del panorama del braccio di ferro italiano, cioè IL NAZIONALE, L’INTERNAZIONALE ed IL SUPERMATCH , sulle sfide della Supermatch Italian League (SIL) , e sulle eventuali Sfide fra atleti italiani nel contesto del Supermatch.

2 chi gareggia più spesso e vince più spesso sale più in alto degli altri nel Ranking ;

3 se un atleta gareggia e perde scende in classifica (a meno che non ci siano attenuanti , come potrebbe essere il fatto che l’atleta in questione si fosse chiaramente stancato in incontri precedenti in maniera decisamente maggiore rispetto all’ avversario da cui è stato sconfitto, mentre il fatto di gareggiare fuori forma invece NON è un’ attenuante per il Ranking, in quanto è responsabilità dell’atleta stesso l’aver deciso di gareggiare anche se non era al massimo della forma) ;

4 chi infine non partecipa alle gare troppo a lungo ESCE DAL RANKING (questo vale nel caso in cui un atleta non partecipi a due gare di fila fra le 3 gare principali della SBFI, tranne nel caso in cui l’atleta in questione partecipi nel frattempo ad una Sfida del Supermatch o della SIL ), ovviamente solo finché non riprende a gareggiare e non ottiene di nuovo risultati significativi. Non saranno prese in considerazione gare minori.

Queste sono le regole chiave che guidano il mio Ranking SBFI.

Se, come immagino sia normale, qualcuno avesse dei dubbi e perplessità sulle posizioni nel ranking, sono a disposizione per rispondere a tutte le vostre domande.

Potete contattarmi alla email fabio.nimis@libero.it oppure nei messaggi privati su Facebook.

Fabio Nimis

IN EVIDENZA