Internazionale Ungheria 2014

Il 18 ottobre si è tenuta a Budapest  in Ungheria un’ importante competizione internazionale già affermata da anni, il Judgement Day.

Per l’occasione erano stati convocati dei campioni come Ermes Gasparini, Frank Lamparelli e Manuel Battaglia, ma purtroppo per impegni vari e problematiche personali non hanno potuto partecipare.

Siamo partiti con tre soli atleti, Tortorici, De Marchi e Fabris, più l’arbitro Crucitti Katia, il vice presidente Nedrotti Virna ed io.

Mi è spiaciuto molto perché  gli accordi presi con l’organizzatore Attila Csabai, presidente della federazione ungherese, non sono stati onorati, ma ci ha accolto ugualmente bene trattandoci da veri amici.

L’organizzazione  era diretta dal Segretario Generale della WAF Mircea Simionescu-Simicel, ed io per solidarietà, visto che eravamo in pochi, mi sono iscritto in gara.

La competizione era in un contesto veramente bello, una fiera del fitness con parecchie discipline in gara. Tante nazioni rappresentate con un buon numero di atleti; sono partito io per primo col braccio sinistro nella categoria Master 75 kg, eravamo in quattro e mi sono classificato terzo. Poi di destro mi sono anche divertito, su sette iscritti sono arrivato secondo e per non essermi mai allenato direi che il braccio ha retto bene, mi sembra buffo tutto questo, vuol dire che il braccio di ferro è proprio nel mio dna!

Di sinistro e destro ci ha provato anche Alberto Fabris, ma gli atleti della categoria Master oltre 90 kg erano veramente forti, niente da fare per lui.

De Marchi Tomas nei + 90 kg di sinistro non è riuscito a partire bene negli incontri e si ritrovava sempre in fase perdente,  con un risultato negativo. Gli è andata decisamente meglio col destro, il suo braccio migliore, dove ha tirato decisamente bene vincendo due incontri, ma perdendo i successivi non è riuscito, a causa del consistente numero di atleti e del livello alto, ad arrivare nei primi cinque. Ma va detto però che Tomas ha perso col primo e col secondo classificato, quindi forse con un po’ di fortuna in più nei sorteggi avrebbe potuto sicuramente fare meglio.

Anche Tortorici Massimo non era in giornata, in una categoria 75 kg molto numerosa, con degli ottimi avversari ma solitamente tutti alla sua portata. Infatti ha perso con un atleta ungherese che aveva battuto al Supermatch in Italia! Poi ha vinto tre incontri, e alla fine ha perso contro un atleta slovacco, così anche Massimo purtroppo non è riuscito ad arrivare tra i primi cinque. Proprio l’atleta ungherese ha vinto la categoria, speriamo che Massimo ritrovi una buona condizione per il nostro Internazionale, dopo un periodo distante dal podio.

Ottima la prestazione di Katia Crucitti, il nostro arbitro Senior che ha fatto da primo arbitro per tutta la durata della competizione, complimentata da tutti i suoi colleghi e addirittura dagli atleti, e questo la dice lunga sul suo livello come arbitro!

Sono felice per l’accordo preso dal nostro vice presidente Virna Nedrotti con il segretario generale della WAF Mircea e il suo staff, per la collaborazione al nostro nuovo programma organizzativo per l’imminente Internazionale di Riccione.

Questa competizione ungherese è stata veramente bella e ben curata, sicuramente una trasferta da rifare il prossimo anno, anche per l’ospitalità veramente super di Attila Csabai, un vero signore ed un grande amico!

Rizza Claudio – Presidente SBFI

MEMBRO DI

 
SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia

AFFILIATA

 
SBFI affiliata Atleti Olimpici ed Azzurri d'Italia SBFI affiliata CSEN