Campionato del Mondo 2016 – Bulgaria

img_0218

La partenza di questo Mondiale 2016, non è stata delle migliori e non faceva presagire che non sarebbe stato un mondiale per noi facile: trasporti non adeguati, hotel imposti dalla Federazione Bulgara senza possibilità di scelta, con pochissimi servizi e al limite della decenza. Anche lo stesso paese non turistico e non appropriato per un campionato del mondo. Ma veniamo allo sport….sicuramente il palazzetto era l’unica cosa all’altezza! La Waf ha deciso di dividere in sei giorni le varie classi: i primi due giorni partivano i Juniores. Tre gli atleti Italiani coinvolti. Va detto che in Italia, i Juniores non hanno grande possibilità di competere e misurare le proprie forze, va premiato l’impegno. Mirasola Francesco prova a contrastare i suoi avversari, ma non ha fortuna né con il braccio sinistro, né cimg_0696on il braccio destro – 13° in entrambe le braccia.
Boero Maicol anche per lui niente da fare, 10° negli 80 kg juniores under 21. Va detto che è un atleta che ha iniziato solo quest’anno a praticare il braccio di ferro su tavolini regolamentari.
Tavanti Luca, ottima la sua stagione come Juniores, ma anche per lui è stato decisamente difficile arrivare nelle prime posizioni. Gareggia solo con il braccio destro ed è quattordicesimo.
Come già anticipato, per i Juniores al mondiale è ancora troppo difficile emergere.

Passiamo ai Master, competizione del giovedì e venerdì. Accardo Giovanni, dopo una stagione ottimale, con il braccio sinistro non riesce a portarsi nelle prime posizioni ed è decimo, mentre con il braccio destro fa una grandissima competizione: gli manca solo un incontro per arrivare nei primi tre ma purtroppo perde. È quinto, una grande prestazione e un grande risultato. Nei Gran Master 75 Kg il prossimo anno, potrebbe andare a podio, visto anche che non attraversava un buon periodo di salute alle articolazioni delle braccia.img_0590
Buona anche, nei gran master +100 Kg, la prestazione di Agosta Rosario. È stato l’atleta che è arrivato più vicino alla medaglia ma per un fallo che poteva tranquillamente evitare essendo nettamente superiore all’americano, perdeva la possibilità di andare a podio. Un autentico e vero peccato anche Rosario ha bisogno di fare più competizioni per evitare questi errori.
Negli oltre 100 Kg anche Fabris Alberto, fa un buon ottavo posto nel sinistro e un decimo nel destro. Anche per lui un peccato, specialmente con il braccio sinistro, con cui si era decisamente preparato.
Nei Grand Master 90 Kg, Bernardi Mario Claudio è in entrambe le classi diciassettesimo. Peruch Ivano anche lui nei img_0500Grand Master 100 Kg con il sinistro è decimo, meglio con il destro dove è sesto: un buon risultato! Gastaldello Frenzis è quattordicesimo nei Master 90 kg sinistro, una grande competizione nel destro dove è sesto, vincendo degli ottimi incontri. Ricordiamo che erano in 24 in categoria! In questa c’era anche il nostro campione del mondo Paganin Ermes: il sinistro era semplicemente fatto per rompere il ghiaccio, è diciassettesimo; mentre con il braccio destro ha fatto una grandissima competizione: è arrivato verso la fine, vicino alla semifinale con l’atleta del Kyrgystan, Li Aleksandr. Tre incontri lunghissimi e massacranti in cui ha avuto la meglio il nostro Ermes ma purtroppo per accedere al podio ha dovuto incontrare l’americano Grant Joshua che si vedeva nettamente inferiore ma purtroppo, Ermes era sfinito e ha dovuto rinunciare al podio. Sicuramente questa categoria di 24 atleti non era semplice ma Ermes non deve rimpiangere niente perché è stato decisamente all’altezza: una medaglia se la sarebbe meritata e guadagnata….ha rimandato tutto all’anno prossimo ed è questa la migliore risposta! Anche Cesari Massimo arrivava da terzo negli 80 Kg Master destro, ma quest’anno non era in forma ottimale: è solo undicesimo! Ermanno Marangon che, pur essendo un Grand Master, non ha rinunciato a partecipare ai master, ma è tredicesimo. Chiude le categorie dei Senior Grand Master il nostro Moruzzi Guido, quinto nei sinistri e sesto nei destri: grande lo spirito battagliero nel nostro Guido.
Arriviamo anche ai due nuovi master: Daniele Sircana e De Marchi Tomas. È vero che c’eimg_0804rano parecchie aspettative per questi due nuovi master, vista anche la stagione ottimale fatta nelle categorie senior. De Marchi Tomas, pur non brillante parte bene, fa dei buoni incontri ma perde gli incontri decisivi che lo potevano portare a podio nella categoria master oltre 100 Kg destro. È quarto, sicuramente un risultato che non lo soddisfa, anche per lui il tutto è rimandato in Ungheria 2017, dove si batterà per una medaglia sicura.
Per Sircana Daniele nei 90 kg master, c’erano tante aspettative ma dovute alla bellissima e importante stagione trascorsa. Atleta completo e fortissimo, pecca solo nella grande tensione negli appuntamenti, specialmente all’estero. Anche lui perde incontri che sicuramente potevano essere benissimo alla sua portata. È solo nono! Non è questo il risultato che lo soddisfa ma un atleta come lui sa di reagire e di presentarsi sempre al meglio, vincendo la tensione. Una volta fatto questo sono sicuro che è un atleta da podio.
I buoni risultati dei nostri Master ci portano, nella classifica generale all’ottavo posto, su 45 nazioni.

Passiamo ai Senior Femminili. Bravissima la nostra Chiara Acciaio: nei 50 kg di sinistro è tredicesima, buona invece nel destro dove, vincendo dei bellissimi e importantissimi incontri, è sesta: un importante risultato per questa atleta che, pur non avendo tanti anni di attività, sta facendo delle grandi cose, sia in Italia cimg_1390he all’estero.
Lamparelli Layla, 70 Kg destro. Una categoria difficile, con tante atlete di grande livello: parte bene ma poi deve gettare la spugna su due ottime atlete: è settimana ma visto l’alto livello delle avversarie, si può ritenere soddisfatta. Carmela D’Apice arrivava anche lei da un ottimo terzo posto del braccio sinistro al mondiale precedente: stavolta è solo sesta. Categoria difficilissima ma sicuramente a podio ci poteva stare anche la nostra Carmela. Buona la prestazione con il braccio destro: è quinta. Sono discutibili alcune scelte arbitrali: tutto rimandato all’anno prossimo. La cattiveria e la grinta di Carmela, non si fanno di certo intimorire da questo risultato.

Categorie Senior Maschile. Un anno spettacolare anche quello di Manghi Thomas. Nei 60 kg destro parte bene ma poi perde due incontri che non lo fanno arrivareimg_0934 ai primi posti: è settimo. Nessuna recriminazione, dopo un anno spettacolare, ricordiamo un terzo posto ai campionati europei. Atleta caparbio e questo risultato gli servirà da stimolo per poter fare sempre al meglio.
Gheroghita Silviu nei 70 kg sinistro non brilla, un’altra storia nel destro che parte decisamente più carico e grintoso ma anche per lui una categoria decisamente difficile: è undicesimo, 35 il numero degli atleti in categoria: ottimo esordio! Nei Senior 80 Kg Gioco Placido, nel sinistro non arriva oltre il diciassettesimo posto. Altra storia per il braccio destro: vince ben cinque incontri, è una spettacolo vedere gareggiare questo talento: è quinto su 30 atleti. Direi un ottimo risultato anche perché è un atleta con una preparazione non sempre costante. Esordio anche per Rusu Marius Daniel: dodicesimo di sinistro negli 85 kg. Anche per lui più buna la competizione con il braccio destro cui è in decima posizione. Ottima la stagione e il salto di qualità per questo atleta che non si ferma mai! Nei 100 kg di sinistro Lutai Adrian purtroppo non brilla, pur essendo il suo braccio prediletto:è quattordicesimo. Con il braccio di destro si presenta più deciso e grintoso, si posizione undicesimo, anche lui è un atleta che potrebbe dare sicuramente di più: lo voglio più grintoso. Frank Lamparelli che non si può di certo dire essere un atleta fortunato: inizia i suoi match sia di destro che di sinistro con i vincitori di questa categoria e stancandosi subito per il proseguo della gara. Di sinistro è solo sedicesimo, buona la prestazione nel destro dove vince tre incontri di fila ma poi perde, per doppio fallo, la possibilità di andare tra i primi: è solo ottavo. Un risultato che non lo soddisfa ma tutti conosciamo il suo livello che non è sicuramimg_1160ente quello di questa classifica mondiale. Anche a lui auguriamo per il prossimo anno di avere oltre alla sua genetica, un po’ più di fortuna! Battaglia Manuel poteva ambire a un podio, anche per lui parecchi incontri vinti. Categoria molto numerosa e dove ai primi posti c’erano autentici mostri: è settimo di sinistro e nono di destro. Visto anche il livello dei suoi avversari, non deve recriminarsi niente. Paganin nei Senior si ritira per problemi fisici e Daniele Sircana nei 100 kg destri Senior si qualifica quattordicesimo. Nella classifica generale senior siamo quindicesimi, due posizioni in meno rispetto l’anno scorso. Va detto che è dal 1998 che in un mondiale la nazione Italiana, non vince una medaglia. È un vero peccato, ci siamo arrivati vicini ma purtroppo, per un insieme di cose, non ce l’abbiamo fatta a fare podio. Sicuramente la mancanza di Gasparini Ermes e Cappa Davide hanno pesato sulla conquista di medaglie e punteggi. Speriamo in un prossimo anno!!

Una grande vittoria l’abbiamo ottenuta con il nostro Arbitro Katia Crucitti!!! Per la prima volta nella storia arriva in Italia un arbitro Master. Pensate che solo quattro ragazze nel mondo hanno questa qualifica. Un risimg_1498ultato che gratifica Katia e anche l’intera Federazione Italiana che rappresenta! Questa è la riuscita di impegno fisico e finanziario, sacrificio e caparbietà che solo Lei ha ottenuto, ponendosi questo traguardo nel giro di pochissimi anni. Grazie Katia per la grande possibilità che ci dai e per questo tuo grande risultato, che onora la tua Federazione e tutti coloro che ne fanno parte! Il 2017 lo inizieremo alla grande, grazie anche alla tua presenta e capacità! Speriamo tu possa trasmetterla a tutti i nostri ottimi arbitri! Grazie di cuore!

       

MEMBRO DI

 
SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia

AFFILIATA

 
SBFI affiliata Atleti Olimpici ed Azzurri d'Italia SBFI affiliata CSEN