INTERNAZIONALE 2010

Dopo la sospensione del Campionato Internazionale nel 2009, a causa dell’organizzazione del  Mondiale, quest’anno abbiamo ripreso questa nostra importantissima competizione, ormai conosciuta a livello internazionale.

         szasz-amolins-2010.jpg    lamparelli-suokko-2010.jpg

Quest’anno ad onorare la nostra gara c’erano ben tre Campioni del mondo: Amolins, Szasz e Suokko!

Buona la partecipazione da parte degli atleti italiani: ben 130 iscritti, di cui più di 60 esordienti, che hanno dimostrato di essere il futuro, visto il loro entusiasmo e la loro preparazione.

 

Le varie squadre allenate dai fratelli Nimis, da De Filippo Antonio, da Corsalini Renato e da Marangon Ermanno, hanno portato degli atleti Esordienti già molto abili e preparati, al punto di creare problemi ad atleti già affermati!

Questo fa capire ai Senior quanto è importante tenersi allenati…le nuove leve sono determinate a prendere i loro titoli!

Nelle categorie esordienti, autentiche rivelazioni sono state quelle di: Pividori Stefano e Negro Leandro Jesus (atleti friulani allenati dai fratelli Nimis), Bordo Tommaso (del team Corsalini), Stinelli Gaetano (allenato da De Filippo).

Per questi atleti il salto di qualità nei Senior potrebbe essere molto vicino.

 

 

Nei Senior purtroppo mancavano atleti nazionali molto importanti come: Frroku, Sircana, Guatta, Vallenari, Zaganelli, Casalini, Parissi, Meloni, Agosta, Gasparini, Gambirasio, De Leo ecc.

So per certo che alcuni non potevano venire per problemi di vario genere, sono quindi giustificati.

 

Però in generale voglio ripetere una cosa che più volte ho fatto notare:

le gare amatoriali e le trasferte vanno benissimo, ma è al Nazionale, all’Internazionale e al Supermatch che gli atleti SBFI devono far sentire la loro presenza e dimostrare la loro preparazione.

So che è un impegno fare una trasferta…ma mi aspetto che chi non ha problemi a fare trasferte all’estero poi non manchi alle gare in patria!

Ci sono infatti atleti Senior che hanno fatto gare all’estero e poi non sono venuti al nostro Internazionale.

Vanno bene il Marocco, la Svizzera ecc… ma se riuscite ad andare a queste gare, mi aspetto di vedervi alle nostre! Anche perché spesso le nostre gare sono più dure di quelle citate, e qui potrete davvero dimostrare il vostro grado di preparazione.

Andare all’estero, gareggiando magari in qualche categoria di basso livello per ottenere il podio, e non venire alle nostre non mi pare corretto.

Lo ripeto: se non venite alle nostre gare la SBFI chiude: non ci saranno più calendari e gare da fare.

 

 

Detto questo, onore a chi c’era alla nostra gara e agli atleti che si sono messi in evidenza!

lovej-loche-2010.jpg   dos-santos-bortolomiol-2010.jpg

Anzitutto quattro autentiche rivelazioni: i primi tre sono nelle categorie di peso inferiore: Morrone Angelo, Benadduce Luca e Loche Andrea, che hanno dimostrato di essere ai vertici delle loro categorie di peso, insidiando anche atleti più pesanti.

Sopra i 90Kg invece mi ha sorpreso Bortolomiol Giovanni, che dopo un anno di inattività è rientrato alla grande sorprendendo per la sua potenza fisica!

Una nota di merito va data all’atleta Davide Bertoli, un veterano (gareggia da vent’anni!) sempre combattivo!

 

Le previsioni nelle varie categorie sono state confermate, hanno vinto atleti come Capra, Paganin, Roman, Nimis e Lamparelli, mentre le altre ovviamente sono state vinte da campioni stranieri come Amolins, Lovei Jozsef, Suokko e Szasz.

 

Bellissimo e sorprendete l’Open femminile, dove a sorpresa Visentin Giulia, atleta dell’Eurobody, ha trionfato lasciando alle spalle veterane come Rosato Katia e Messina Francesca.

 

visentin-2010.jpg

L’Open maschile, per gli italiani, all’inizio sembrava compromesso per due motivi:

da una parte c’erano i tre atleti stranieri Szasz, Suokko e Amolins pronti a contendere il podio;

dall’altra due nostri pezzi da novanta che avrebbero potuto fermarli, cioè Lamparelli e Cappa, si erano affaticati tra loro in categoria e sembravano troppo stanchi per farcela.

Va detto infatti che la categoria dei 110Kg è stata vinta da Suokko, ma per primi si erano scontrati Cappa e Lamparelli, dando vita allo scontro più spettacolare della competizione!

lamparelli-cappa1-2010.jpg    lamparelli-cappa2-2010.jpg

Nel primo match Cappa ha dato un’ennesima prova della sua straordinaria potenza battendo Lamparelli. Quest’ultimo però successivamente, con la potenza abbinata alla tecnica, ha ribattuto Cappa. I due però alla fine erano sfiniti, quindi Suokko ha vinto la categoria.

 

Per questo motivo la prestazione all’Open di Lamparelli vale ancora di più! Ha sbaragliato la concorrenza battendo tutti, compresi gli atleti stranieri! Cappa all’Open era stremato, ma Lamparelli ha dimostrato di essere un campione anche in resistenza. Ormai è un nome a livello mondiale.

Peccato per l’assenza di Frroku Edmir, attuale campione assoluto. Al prossimo Open nazionale vedremo un grande spettacolo!

lamparelli-open-internaz2010.jpg

 

Grande soddisfazione per la riuscita di questa grande evento!

Il merito è anche per la preparazione dei nostri arbitri Gotti, Menegazzo, De Filippo, Carabelli, Nimis Fabio, Bertoldi, e per la professionalità dei miei giudici di gara Sara Pagani e Virna Nedrotti.

 

Trovate già i RISULTATI, prossimamente pubblicheremo le foto.

 

 

Una nota dolente che è già stata fatta arrivare loro tramite una lettera, è la mancanza di partecipazione della squadra Svizzera.

Noi abbiamo sempre contribuito alla riuscita delle loro gare, mandando ogni anno molti atleti in ben tre delle loro competizioni.

Non abbiamo riscontrato da parte loro il giusto ritorno.

Pertanto, finchè non avremo uno scambio equo, non parteciperemo più alle loro manifestazioni.

Da questo momento gli atleti SBFI sono invitati a non partecipare alle gare Svizzere, fino ad un nuovo comunicato.

 

 

 Rizza Claudio – Presidente SBFI

MEMBRO DI

 
SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia

AFFILIATA

 
SBFI affiliata Atleti Olimpici ed Azzurri d'Italia SBFI affiliata CSEN