RESOCONTO INTERNAZIONALE 2011

Eccomi a fare il resoconto di una delle tre gare più importanti dell’anno in Italia, il Campionato Internazionale giunto ormai alla sua 12° edizione.

podio-dx-internazionale-2011.JPG podio-sx-internazionale-2011.JPG

Quest’anno si è svolto nell’ottima location del Paradise Playcenter a Monsano (Ancona): un sentito ringraziamento per questo al titolare e al figlio Enrico, col quale ho stabilito un bel rapporto di collaborazione e li ringrazio per l’opportunità che ci hanno dato, un ringraziamento speciale anche a Corsalini Renato che mi ha messo in contatto con questo prestigioso locale.

Per la prima volta avevamo un Internazionale al centro Italia e devo dire che i riscontri sono stati ottimi, 150 atleti in competizione e l’importante presenza di molte nazionali straniere!!

Cito doverosamente le squadre che hanno partecipato : il Kazakistan che ci ha onorato con un forte team di 20 atleti fra i quali alcuni Campioni Mondiali! Poi Svizzera, Olanda, Inghilterra, Finlandia, Romania, Germania, Svezia, Francia, Slovacchia, insomma posso davvero dire che il nostro Internazionale si riconferma alla grande come una delle gare più spettacolari in Europa!!

Passo ora a citare brevemente gli atleti che si sono maggiormente distinti in questa splendida gara. Anzitutto il nostro grande Lamparelli Frank (attualmente campione Assoluto d’Italia in carica), che all’Open col braccio destro ha sbalordito tutti battendo il campione Mondiale kazako Dimitry Trubin dopo un incontro davvero spettacolare, una battaglia all’ultimo sangue fra due fuoriclasse del braccio di ferro!! Peccato per Lamparelli, per vincere questo incontro ha speso tutto e così non ha potuto poi vincere l’Open come avrebbe meritato! Ma penso proprio che Frank si rifarà al Mondiale in Kazakistan a dicembre perché l’ho visto davvero in magnifica forma!

Vince quindi l’OPEN destro il nostro grande Cappa Davide, da molti anni uno degli atleti più forti in assoluto della SBFI!

cappa-trubin-2011.JPG cappa-davide-2011.JPG

Cappa ha ottenuto un’importante vittoria battendo tutti i suoi avversari senza problemi: pur allenandosi saltuariamente ha dimostrato ancora una volta la sua grande genetica per il braccio di ferro. In finale ha battuto il campione Mondiale Trubin, perdendo il primo match ma vincendo in modo schiacciante il secondo. Ci tengo anche a ricordare che Cappa negli anni 90 ha rappresentato la Nazionale italiana professionistica di pugilato! Onore al merito a Davide Cappa che si riconferma come uno dei più forti atleti italiani e punterà sicuramente a fare un’altra ottima prestazione al Nazionale a settembre!

E’ stato un grande piacere per me vedere anche altri italiani ai primi posti degli OPEN:

Nimis Fabio al posto dell’Open destro ha combattuto bene vincendo molti incontri e confermandosi ancora come uno degli atleti italiani più forti in assoluto, dopo Frroku è il gancio più forte d’Italia! Si è anche piazzato all’Open sinistro.

Gran gara per il campione Guatta Cristian, un veterano che si è ripreso alla grande dopo alcune prestazioni poco convincenti degli ultimi anni. Il pitbull è tornato in forma conquistando il posto all’Open sinistro dietro ai due atleti kazaki e il all’Open destro facendo dure battaglie.

Al dell’Open destro un altro veterano, Sircana Daniele. Mi fa piacere vedere che anche questo nostro campione ha ritrovato la forma! È rientrato molto bene in gara, anche da lui mi aspetto un’ottima prestazione al Nazionale che si terrà nella sua Livorno!

Doveroso parlare anche dei due nuovi astri nascenti del braccio di ferro italiano: Gasparini Ermes (18 anni) e Pividori Stefano (19 anni), due giovani nuove promesse per il nostro sport che mostrano entrambi un potenziale incredibile per la loro età!!

Gasparini è arrivato 3° nella categoria 85 kg mettendo in difficoltà il campione kazako Balashov. La sua velocità in partenza è impressionante e ha messo in difficoltà anche atleti più forti ed esperti di lui!   Pividori è arrivato 3° nei 90 kg ma avrebbe in realtà meritato il 2° posto, poiché si è distrutto il braccio in un lunghissimo e faticosissimo incontro con la leggenda del braccio di ferro Pascal Girard, che alla fine ha vinto la categoria. Pascal non era in forma a causa di alcuni problemi fisici, ma comunque onore al merito a Pividori che alla sua età si dimostra già in grado di competere con campioni esperti!    Questi ragazzi sono il futuro della SBFI!

Altri tre atleti che mi hanno colpito sono stati Petroni Antonio, Vladaj Aleksander e Morrone Angelo, tutti e tre al 2° posto nelle rispettive categorie dietro ai campioni kazaki. 

Petroni in particolare ha fatto un’ottima prestazione, il suo 2° posto è dovuto al fatto che aveva in categoria il campione del mondo Trubin. Ma ha poi fatto dei grandi incontri spettacolari all’Open!

 kuntuganova-backman-2011.JPG dapice-thommen-2011.JPG

Ottima anche l’affluenza dall’estero delle atlete femminili, che purtroppo erano in netta maggioranza numerica rispetto alle atlete italiane. Abbiamo avuto l’onore di ospitare due campionesse mondiali. Sarah Backman e Snizhana Babaieva (moglie del campione del mondo Lubomir Jagnesak e sorella dei due leggendari fratelli Rustam e Ruslan Babayev).  La vincitrice Assoluta e incontrastata, di destro e sinistro, è la campionessa mondiale ed europea Sarah Backman. Ottima la prestazione della campionessa assoluta d’Italia Monica Pedoglia, ha vinto la categoria dei 60 kg ed ha poi disputato una dura battaglia con la campionessa svizzera Catherine Capuzzi in semifinale Open, perdendo per doppio fallo e piazzandosi infine al 3° posto. Notevole anche il ritorno alle competizioni dell’atleta veneta Carmela D’apice, che ha vinto la sua categoria di sinistro davanti all’atleta finlandese Johanna Limola e all’atleta svizzera Caroline Thommen, e poi si è anche piazzata al 3° posto all’Assoluto sempre col braccio sinistro!

Per finire un più che sentito ringraziamento a tutto lo staff SBFI e agli arbitri che hanno svolto in maniera egregia il loro compito!

Anzitutto al mio giudice di gara Sara Pagani, il cui contributo è sempre indispensabile!

Grazie poi all’arbitro inglese David Shead (arbitro WAF e EAF) e al coordinatore degli arbitri SBFI Fulvio Menegazzo, che assieme hanno gestito il corso arbitri prima della gara.

Rizza Claudio – Presidente SBFI

MEMBRO DI

 
SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia SBFI - Sezione Braccio di Ferro Italia

AFFILIATA

 
SBFI affiliata Atleti Olimpici ed Azzurri d'Italia SBFI affiliata CSEN